Frullatore a immersione, quanto contano i materiali? Info e prezzi

Se non si vuole rinunciare alla comodità e fantasia di un frullatore a immersione in cucina, non si avrà che l’imbarazzo della scelta fra i tanti modelli sul mercato, ben illustrati sul sito Frullatore a Immersione. Nella valutazione dell’apparecchio da acquistare contano i materiali non soltanto per una questione di resistenza e longevità ma anche di sicurezza e manutenzione. Assodato che le componenti in plastica, oltre ad essere meno efficaci, sono anche più fragili e rischiano di danneggiarsi con più facilità e a breve, in realtà potrebbero anche essere nocive, a patto che non abbiano la certificazione ‘senza BPA’, se portate a temperature molto alte che ne favoriscono il rilascio di sostanze potenzialmente dannose a contatto con i cibi bollenti. Diversamente, la plastica è affidabile al 100 per cento nelle lavorazioni a freddo, come ad esempio la produzione di frullati e frappè.

Nella scelta dei materiali incide anche il budget di spesa, che (si sa) sale in proporzione alla qualità dei prodotti impiegati nella fattura dell’utensile. I mixer tutti in acciaio inox costano di più e la cosa non sorprende, in quanto sono più longevi ma anche più affidabili sul piano della sicurezza. Anche il brand fa la differenza nel prezzo, inutile negarlo, soprattutto se si sceglie una marca consolidata da anni sul mercato di riferimento che si è evoluta lanciando prodotti sempre nuovi e al passo con i tempi. Brand storici, come Kenwood o Philips hanno anche registrato brevetti tecnologici applicati ai loro prodotti di serie come dei blasoni che spiccano sul mercato distinguendoli dai competitors.

Se poi ci si sposta su modelli non più ad uso domestico, ma professionale troveremo a farla da padrone brand del calibro della svizzera Bamix. Tornando coi piedi per terra, si può affermare che non serve svenarsi per accaparrarsi un buon mixer, ve ne sono di economici in commercio a partire da 20 euro in su come i frullatori Algostar completi di kit accessoriati a soli 25,98 euro. Con meno del doppio si può far proprio un modello semiprofessionale firmato Concept, azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di ottimi mixer, pratici ed ergonomici, dalle prestazioni superiori.